Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Verifica periodica, cosa cambia con il nuovo decreto 93
#1
Buongiorno a tutti,
vorrei avere la vostra gradita opinione riguardo alle novità introdotte dal decreto 93 del 21 aprile 2017 in merito alle verifiche periodiche di strumenti per pesare.
Poiché prima di tale decreto i riferimenti alle prove metrologiche erano sempre presi dalla UNI CEI EN 45501 adesso che stavo riorganizzando le procedure operative ho notato delle differenze.

Nella prova di ripetibilità ad esempio si passa dalle due serie di 3 pesate ciascuna (1/2 max e max) ad un'unica pesata a circa l'80% del carico.

Nella prova di decentramento invece si segue pedissequamente la 45501 che parla di 4 pesate, senza menzionare quello centrale che veniva spesso utilizzato per una prova al minimo ed una al valore che poi si utilizzerà in tutte le altre pesate decentrate per un totale di 6 pesate (1/3 del max).

Mi confermate questi cambiamenti rispetto alla direttiva MAP del 4 aprile 2003 ?

Infine non riesco ad interpretare il punto della prova di mobilità che dice "la prova non è applicabile per strumenti con indicazione digitale" (punto 8.3.3 EN 45501:2015)

Grazie Smile
Cita messaggio
#2
buon giorno,
qualche considerazione su queste domande.
Il decreto 93 /2017 ha superato la vecchia direttiva del 2003 che è abolita,
le prove del nuovo decreto, descrite nella scheda tecnica dedicata agli strumenti NAWI, sono derivate dalla 45501:2015 con qualche piccolo errore.
tra le novità introdotte dalla nuova 45501, e quindi indirettamente dal decreto, c'è la sola prova di ripetibilità all'80% di Max, anzichè le due a 50 e 100 %,
la possibilità di fare le prove con zavorra con qualsiasi portata e l'eliminazione della prova di mobilità per gli strumenti ad indicazione digitale, quindi quelli elettronici nelle fasi di verifica della conformità iniziale e di verifica periodica, resta solo nelle prove per l'emissione del modulo B da parte di un O.N.;
resta poi questa prova per gli strumenti meccanici in tutti i casi

La prova di eccentricità è descritta nella 45501:2015 al punto A.4.7; lì si trovano tutte le indicazioni, in questo caso è vero che la prova nella posizione centrale può essere omessa (sono "sufficienti" quelle nelle posizioni decentrate) tuttavia è possibile farla e risulta pratico avere un primo valore di riferimento da comparare a quelli delle posizioni decentrate
Un saluto
Cita messaggio
#3
Buongiorno der_nister,
gentile come sempre e grazie delle conferme.

A breve farò uno dei tanti corsi di aggiornamento che spiegheranno nel dettaglio cosa cambia con il nuovo decreto ma per sistemare le procedure operative dovevo togliermi subito dei dubbi Smile

A presto
Cita messaggio
#4
Buongiorno metrologi Smile
ritorno sull'argomento con una domanda riguardo le sanzioni e le irregolarità nel rispetto delle verifiche periodiche.
Poiché neanche la CCIAA ha saputo darmi una risposta chiara, tanto che in questi giorni c'è pure una riunione camerale sull'argomento, chiedo lumi a voi.
Come organismo che effettua le v.p. su strumenti NAWI, se l'utente metrico si presenta da me con una bilancia scaduta da (ipotesi) 2 mesi e volesse effettuare la v.p per riutilizzarla, come dovrei comportarmi ?
L'utente è tenuto a richiedere una nuova verifica 5 giorni prima dello scadere dell'ultima in corso di validità secondo il D.lgs. 93
Se l'utente non rispetta queste condizioni e si presenta appunto con un bel ritardo da me laboratorio, io posso semplicemente fare la mia parte ed eseguire la verifica o devo rifiutarmi ?
Rischio sanzioni come organismo ?
il portale Telemaco per comunicare le verifiche mi avvisa con un messaggio di avvertimento se inserisco una pre-richiesta di v.p. e questa non rispetta le tempistiche di cui sopra.
Spero di essermi spiegato :p
Cita messaggio
#5
Buon giorno
opinione personale :
il ritardo nella richiesta di verifica periodica è un problema del titolare dello strumento (utente metrico nella vecchia definizione), l'eventuale sanzione è a suo carico;
come laboratorio basta eseguire la verifica entro il termine indicato che decorre dall'accettazione dell'offerta da parte del cliente o dalla richiesta.
si potrebbe inserire nelle note di Telemaco un appunto sulla scadenza superata, ma non credo serva.
Con l'emissione del libretto metrologico diventerà tutto più semplice per i controlli successivi, anche quelli di sorveglianza
A proposito di telemaco, se arrivasse un cliente presso la sede del laboratorio è ovvio che la verifica venga fatta più o meno al volo, con i tempi tecnici per farla;
non ci sono quindi i presupposti per la comunicazione preventiva (credo che intenda questo per pre-richiesta. Non ho mai visto messaggi di errore sulla preventiva, mi è capitato solo di vedere la segnalazione nel ritardo della comunicazione dell'esito. se capitasse prova a postare la copia delle videata.
saluti
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)