Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Procedure tecnica allegati interni o esterni?
#1
Ciao a tutti

Volevo un consiglio per le nuove procedure tecniche che devo redigere. Secondo voi è meglio inglobare gli allegati come ad esempio i moduli di raccolta dati oppure lasciarli come allegati esterni alla procedura??

grazie dei consigli
Cita messaggio
#2
Per me allegati esterni tutta la vita. Altrimenti devi revisionare il documento ogni volta che fai modifiche ai moduli.

Valuta anche se ti conviene inglobare i calcoli di incertezza oppure se lasciarli in una procedura a se stante.

ciao
Cita messaggio
#3
Anche io credo che avere gli allegati esterni sia più comodo.
Cita messaggio
#4
Anche io sono per gli allegati esterni. Sempre
Nicola Bavarone
Cita messaggio
#5
Avrei una domada, se qualcuno di voi puo' aiutarmi per il seguente argomento:
Se l'attivita' di taratura degli strumenti di misura viene appaltata ad un'azienda esterna, e' possibile chiedere ed avere anche la procedura tecnica di taratura?
In ogni caso, sapete se esiste una norma,linea guida
o documento a cui fare riferimento?
grazie
Saluti
Cita messaggio
#6
E' meglio avere i moduli, codificati, esterni alla procedura/istruzione operativa. In questo modo possono essere indicati come documenti di registrazione e possono seguire un iter indipendente (se necessario) di revisione rispetto alla documentazione prescrittiva.
L'attività di taratura esterna (se influenza la conformità del prodotto ai requisiti) può essere vista come un processo affidato all'esterno. L'organizzazione deve tenere sotto controllo anche questi processi (requisito 4.1 Norma ISO 9001:2008).
Cita messaggio
#7
(16-07-2014, 19:32)Massimiliano Villa Ha scritto:  Avrei una domada, se qualcuno di voi puo' aiutarmi per il seguente argomento:
Se l'attivita' di taratura degli strumenti di misura viene appaltata ad un'azienda esterna, e' possibile chiedere ed avere anche la procedura tecnica di taratura?
In ogni caso, sapete se esiste una norma,linea guida
o documento a cui fare riferimento?
grazie
Saluti

Ciao Massimo ti rispondo secondo le esperienze lavorative che ho avuto.

1-Se il laboratorio che vi esegue le tarature è accreditato ISO/IEC 17025 dubito che vi rilascierà una procedura tecnica che in ogni caso non vi servirebbe poichè l'ente che ha accreditato il laboratorio garantisce per il loro "modus operandi" all'interno del laboratorio.

2-Se il laboratorio non è accreditato potete fare questa richiesta, senza la pretesa che la soddisfino (dipende molto dal potere contrattuale che avete). Ho visto in passato laboratori che per acquisire le commesse (solitamente commesse per grosse quantità) per l'esecuzione di tarature, accontentava l'azienda assecondando questo tipo di richieste.

3-Non credo che esistano Norme o Linee guida in merito (aspetto però qualcuno che mi smentisca), ma è lecito chiedere al laboratorio di dimostrare la riferibilità metrologica delle misure ai campioni nazionali di riferimento. Purtroppo ci sono ancora "laboratori" che rilasciano documenti di taratura senza riportare ad esempio senza le incertezze di misura.

chiedi pure se hai altre domande. Magari apri una discussione dedicata qui siamo un pochino OT.
Cita messaggio
#8
Ciao
Grazie per la risposta
Informo che nel caso specifico il laboratorio non e' accreditato ISO/IEC17025 ed abbiamo gia' fatto la richiesta senza essere soddisfatti.
Cita messaggio
#9
(17-07-2014, 20:38)enrico.reccagni Ha scritto:  
(16-07-2014, 19:32)Massimiliano Villa Ha scritto:  Avrei una domada, se qualcuno di voi puo' aiutarmi per il seguente argomento:
Se l'attivita' di taratura degli strumenti di misura viene appaltata ad un'azienda esterna, e' possibile chiedere ed avere anche la procedura tecnica di taratura?
In ogni caso, sapete se esiste una norma,linea guida
o documento a cui fare riferimento?
grazie
Saluti

Ciao Massimo ti rispondo secondo le esperienze lavorative che ho avuto.

1-Se il laboratorio che vi esegue le tarature è accreditato ISO/IEC 17025 dubito che vi rilascierà una procedura tecnica che in ogni caso non vi servirebbe poichè l'ente che ha accreditato il laboratorio garantisce per il loro "modus operandi" all'interno del laboratorio.

2-Se il laboratorio non è accreditato potete fare questa richiesta, senza la pretesa che la soddisfino (dipende molto dal potere contrattuale che avete). Ho visto in passato laboratori che per acquisire le commesse (solitamente commesse per grosse quantità) per l'esecuzione di tarature, accontentava l'azienda assecondando questo tipo di richieste.

3-Non credo che esistano Norme o Linee guida in merito (aspetto però qualcuno che mi smentisca), ma è lecito chiedere al laboratorio di dimostrare la riferibilità metrologica delle misure ai campioni nazionali di riferimento. Purtroppo ci sono ancora "laboratori" che rilasciano documenti di taratura senza riportare ad esempio senza le incertezze di misura.

chiedi pure se hai altre domande. Magari apri una discussione dedicata qui siamo un pochino OT.

Quoto quanto detto da Enrico. Anche io la sapevo così, ma prima di dire una castroneria, poichè non faccio parte di un laboratorio di parte terza, non ne ero sicuro.
Dennis

Ricordate..... Le prove vanno fatte bene!!!! Tongue

Cita messaggio
#10
Concordo con quanto scritto da Enrico, e aggiungo che nel caso in cui il laboratorio non sia accreditato sarebbe necessario, oltre alla richiesta dei certificati Accredia dei primari utilizzati e la metodologia di taratura, anche procedere con un Audit di seconda parte presso il laboratorio stesso.
Nel caso in cui si dia l'appalto TOTALE della propria strumentazione ad un ente esterno questo diventa fondamentale.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)