Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Microvoltmetro
#1
Buongiorno a tutti.
Sono nuovo e mi presento: mi chiamo Luca e lavoro da poco tempo in un laboratorio per prove elettriche e meccaniche.

Storicamente, nella mia azienda la calibrazione degli strumenti viene fatta internamente, utilizzando degli strumenti primari certificati e calibrati da enti esterni, e utilizzando questi strumenti per calibrare quelli che vengono definiti secondari.
In particolare, volevo chiedere al gruppo, una mano per la calibrazione/verifica di un microvolmetro: KEITHLEY Model 150B.

C'è qualcuno disposto a darmi qualche inidicazione? Se sì, proseguo con quanto ho fatto e spiego dove ho problemi.
Infinite grazie.
Cita messaggio
#2
Buongiorno Luca,

volentieri sono disponibile per provare a dare una mano. Innanzitutto non mi è chiaro che cosa si intenda per calibrazione/verifica.

Saluti

Andrea
Cita messaggio
#3
Buongiorno LUCA. 


Lo strumento misura tensioni bassissime e correnti altrettanto basse. 
Se vuoi tararlo in maniera diretta hai bisogno quindi di un generatore di tensioni bassissime (nanovolt source) e un generatore di correnti bassissime (picoampere source)
Entrambi gli strumenti devono essere tarati con certificato Accredia così da poterli utilizzare per le tarature interne e poter redigere un certificato di taratura con riferibilità (ISO 9001)
Oppure potresti acquistare un altro strumento equivalente al tuo, mandarlo a tarare con certificazione Accredia, ed eseguire le misure dei medesimi campioni di corrente e tensione ( anche non tarati però costanti nel tempo almeno a breve termine) . Quindi eseguire una taratura per paragone. 
Se avete solo un nanovoltmetro presente in azienda il mio consiglio è quello di affidarsi ad un laboratorio di taratura esterno e chiedere di codesto strumento un semplice certificato con riferibilità. Sono sicuro che economicamente l'impatto è inferiore rispetto alle altre due opzioni che ti ho dato ed in più ammattisci meno perchè non ti devi tirare fuori un istruzione per la taratura e inserirla a sistema qualità. 
In ogni caso guardando il manuale del tuo strumento, di cui riporto il LINK, al paragrafo 4-6 spiega cosa ci vuole per la verifica della taratura dello strumento......
Come peraltro c'era da aspettarsi....... 
Spero di essere stato chiaro e rimango in attesa qualora tu voglia delucidazioni ulteriori o qualora abbia capito male la domanda.

Cordiali saluti
Dennis

Ricordate..... Le prove vanno fatte bene!!!! Tongue

Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)