Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Differenza TUR e incertezza estesa
#1
Ciao

Volevo chiedervi che differenza passa tra il parametro TUR e l'incerteza di misura. Mi spiego meglio, quale devo utilizzare quando eseguo delle misure ad esempio di temperatura??

grazie
Cita messaggio
#2
L'incertezza di misura entra nel calcolo del TUR al denominatore.
Il tur è il rapporto fra la specifica che devi verificare sullo strumento in taratura e la incertezza di misura.
Quella che devi esplicitare nei rapporti di taratura è la incertezza di misura.
Il TUR è un numerello utile per capire a colpo d'occhio se lo strumento campione + procedura di taratura sono adatte ad eseguire la taratura del misurando.
Per maggiori info TUR

Spero di essere stato chiaro

Dennis
Dennis

Ricordate..... Le prove vanno fatte bene!!!! Tongue

Cita messaggio
#3
Grazie per la spiegazione.

Quindi prima di eseguire la calibrazione verifico che il TUR sia compatibile e poi eseguo la calibrazione. Quando eseguo la calibrazione poi calcolo l'incertezza sulle misure che ho fatto.
Cita messaggio
#4
Non parlare di calibrazione ma di verifica della taratura o di taratura. Con calibrazione si ricorda di più la messa in punto dell'oggetto.
L'incertezza la devi calcolare prima, altrimenti come ti fai a calcolare il TUR?
Quindi calcoli l'incertezza estesa relativa ai punti di misura che intendi fare. Poi ci calcoli il TUR per ogni punto e se risponde ai target che ti sei dato, o della tua azienda ( in termini di TUR) allora puoi dire che il metodo di misura e gli strumenti sono congrui per la taratura che devi eseguire.
Ciao

Dennis
Dennis

Ricordate..... Le prove vanno fatte bene!!!! Tongue

Cita messaggio
#5
ah si hai ragione, il problema è che ho tutti i miei colleghi che usano il termine calibrazione io poi resto coinvolta.

Quindi per scegliere uno strumento campione in funzine del suo TUR (ad esempio lo devo acquistare) devo fare delle ipotesi di incertezza di misura e poi calcolare il TUR.
Cita messaggio
#6
Esatto.
Più che delle ipotesi, devi fare dei calcoli.
Per fare alla svelta a scegliere lo strumento, soprattutto nei casi di misura diretta, si guarda che l'accuratezza dello strumento campione sia almeno 1/4 delle specifiche di accuratezza del misurando. Poi tanto gli eventuali ballamenti, stabilità a breve termine, errori operatore, si riesce in qualche modo a contenerli ed a non farli essere predominanti.
Mentre l'incertezza che hai dalla risoluzione del misurando è ininfluente dallo strumento campione che vai utilizzando
Ciao

Dennis
Dennis

Ricordate..... Le prove vanno fatte bene!!!! Tongue

Cita messaggio
#7
grazie Dennis per i tuoi preziosi interventi
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)