Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Definizione delle soglie di accettabilità
#1
Buongiorno,
gradirei un Vs. parere circa la correttezza del metodo sotto descritto per definire i limiti minimo e massimo da impostare in uno strumento di misura in linea di produzione. Al fine di definire le soglie di accettabilità ho tenuto conto dell'incertezza di misura riportata nel rapporto di taratura dello strumento e di un ulteriore margine del 10% (nel settore Automotive tendenzialmente questo margine può variare dal 10% al 20% con una estrema ratio del 25%) in considerazione della diversità delle condizioni in cui lo strumento si trova ad operare rispetto alle condizioni ottimali del Laboratorio Metrologico che ha tarato lo strumento.
Il range di accettabilità definito risulta quindi essere: valore vero ± incertezza di taratura ±10%

Esempio:
Nel rapporto di taratura dello strumento per misure di portata fino a 60l/h viene dichiarata un'incertezza di misura di 2,1l/h.
Uno dei range di portata da rispettare in produzione è definito dalla soglia minima di 10l/h e dalla soglia massima di 20l/h.
Per essere certi di rispettare i requisiti di portata lo strumento viene così impostato:
Soglia inferiore = 10l/h + 2,1l/h + 10% = 13,3l/h
Soglia superiore = 20l/h - 2,1l/h - 10% = 16,1l/h

Ritenete che questo possa essere un metodo valido o consigliate un approccio diverso?

Inoltre è insorta l'esigenza di eseguire nuove misure di portata delimitate da una soglia minima di 5l/h ed una soglia massima di 9l/h: in considerazione di un'incertezza di misura pari a 2,1l/h (come dichiarato dal Laboratorio nel rapporto di taratura) ho fatto presente che lo strumento in uso non è adatto.

Mi rendo conto che per chi è un professionista del settore queste possono sembrare questioni semplici se non banali ma in occasione di un audit esterno da parte di un cliente, gli ispettori hanno puntato la loro attenzione prettamente sull'accuratezza dello strumento, non considerando di fatto il metodo sopra descritto legato all'incertezza, e sono arrivati alle seguenti conclusioni:

Lo strumento ha un fondo scala di 120l/h e l'accuratezza dichiarata dal costruttore vale:
0 to 10% range          < ± (0,1% range + 1 digit)
10% to 100% range    < ± (1% reading + 1 digit)
Per cui fino a 12l/h l'accuratezza dello strumento corrisponde a 0,12l/h +0,1l/h = 0,22l/h.

Ma è corretto tenere conto solamente dell'accuratezza dello strumento? A me non sembra...
Tuttavia io non sono un metrologo e forse mi sfugge qualcosa, così ho pensato di chiedere un Vs. parere.
Grazie fin d'ora e scusate se magari non sono riuscito ad esprimermi con la terminologia più adatta.

P.S.
Eventuali consigli sono molto graditi, grazie.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)