Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Danilo Izzo alias [Danilo Izzo]
#1
Un caloroso saluto alla community,

mi chiamo Danilo, lavoro e vivo a Stoccarda nel settore compatibilitá elettromagnetica. Ringrazio l´utente Enrico Reccagni per avermi invitato via Linkedin e spero di portare il mio piccolo constributo alla comunitá. Ho esperienze indirette con la ISO 17025, maggiormente con le varie norme CISPR ed ISO in ambito automotive (CISPR 25, ISO 11452 serie).
Proprio in questi giorni sono alle prese con la stesura di lunghe ed estenuanti instructions ed alcuni calcoli di measurement uncertainty.

Buon lavoro a tutti,
Danilo.
Cita messaggio
#2
Felice che tu sia dei nostri. benvenuto, se non ricordo male c'è il moderatore Dennis che opera nel tuo stesso settore.

ciao
Cita messaggio
#3
Benvenuto!
Cita messaggio
#4
Ciao Danilo... piacere averti sul forum. Anche tu hai un curriculum di tutto rispetto (come gli ultimi arrivati). Spero che tu possa mettere le tue conoscenze al servizio della community.
Avere molti utenti preparati alzerà sicuramente la qualità delle discussioni.

Quindi da oggi possiamo dire di essere internazionali??
Cita messaggio
#5
Benvenuto.
Si,come dice Gurlec anche io lavoro nel campo della compatibilità elettromagnetica all'interno della mia azienda. Anche se non mi occupo di automotive.

Spero che diventi un attivo frequentatore del forum. Ci serve gente come te!!!!!!!!!

Saluti
Dennis

Ricordate..... Le prove vanno fatte bene!!!! Tongue

Cita messaggio
#6
Ringrazio tutti per il benvenuto.
Riguardo il settore automotive, la situatione ISO 17025 é particolare: the big three (Ford, GM e Fiat-Chrysler) chiedono una sorta di accreditamento basato sulla 17025 ma con sostanziali differenze. In sostanza il primo passo é la 17025, il secondo l´accreditamento con ispettori Ford. Ci sono poi notevoli semplificazioni rispetto la direttiva EMC, ad esempio gli OEMs americani non chiedono di dichiarare l´incertezza di misura che comunque deve essere calcolata dal laboratorio che deve rispondere ai requisiti della ISO 17025. Ad ogni modo si evita il documento CISPR 16-4-2.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)