Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Come si esegue una mappatura di un fornetto termostatico
#1
Ciao a tutti

Nel file allegato cercherò di spiegarvi le operazioni necessarie per eseguire la mappatura di un fornetto termostatato.


Allegati
.pdf   Mappatura fornetto.pdf (Dimensione: 59.4 KB / Download: 166)
Cita messaggio
#2
Io aggiungerei che se avete la necessità di eseguire anche la mappatura assiale dovete rieseguire le stesse misure però avendo l'accortezza di sollevare sino a metà profondità dei fori del pozzetto e lasciando invariata l'immersine del campione di riferimento che dovrà rimanere sul fondo del foro di riferimento.
Questo vi farà capire che scostamenti ci sono al variare dell'immersione delle sonde all'interno dei fori del pozzetto.

ciao
Cita messaggio
#3
Vi segnalo una linea guida DKD sulla taratura di camere climatiche applicabile anche a stufe, frigoriferi e forni (DKD-R 5-7
Calibration of Climatic Chambers)
Cita messaggio
#4
Grazie marina e benvenuta. I contributi come il tuo sono oro colato per tutta la community.
Cita messaggio
#5
(06-03-2014, 18:02)marina_p Ha scritto:  Vi segnalo una linea guida DKD sulla taratura di camere climatiche applicabile anche a stufe, frigoriferi e forni (DKD-R 5-7
Calibration of Climatic Chambers)

stanno giusto giusto installando in azienda una camera climatica a 25° e 60%UR
premetto che dovro' mappare la camera, ma nella linea guida parla di unloadad e loaded per la taratura: secondo voi posso considerare unloaded la camera vuota ma già con le scaffalature montate?
e loaded con le scaffalature a pieno carico?
forse no, ma per la mappatura a vuoto sarei propenso a considerare la camera a vuoto con le scaffalature ... altrimenti sarebbe come mappare un frigorifero senza ripiani .. o no? Huh
Cita messaggio
#6
Sono d'accordo con te. I ripiani devono stare all'interno della camera.
Cita messaggio
#7
Salve a tutti ,
a breve ho ispezione accredia 17025 e nell'ultima visita mi è stata fatta questa osservazione, cit. :" non vi è evidenza di registrazioni relative alla distribuzione della temperatura (mappatura) all'interno dei termostati,nè di istruzione su come effettuarla". Io ad oggi taro il termometro del termostato annualmente e all'interno del termostato ho un data logger che registra la temperatura ogni ora e che viene tarato annualmente; per entrambi eseguo verifiche intermedie ogni 3 mesi;ovviamente ho file di calcolo per incertezza. Cosa devo fare in più?
Aiutatemi
Grazie
Cita messaggio
#8
Credo che ti stiano chiedendo di mappare la zona isoterma all’interno della camera climatica. Per farlo devi munirti di alcune termoresistenzee è un registratore così potrai monitorate l’andamento delle temperature nel tempo.
Cita messaggio
#9
Vedere anche:
CEI EN 60068-2
CEI EN 60068-3-5

 e guida Euramet:
https://www.euramet.org/Media/docs/Publications/calguides/EURAMET_cg-20__v_4.0_Calibration_of_Temperature_and_or_Humidity_Controlled_Enclosures.pdf

Per test uniformità forni TUS ( Aerospaziale e Automotive ): NADCAP AMS2750e e CQI-9 rev.3

Ciao
Cita messaggio
#10
Buongiorno a tutti,
le normative che danno indicazioni su come effettuare la taratura di una camera termostatica (mappatura) sono le seguenti:

DIN 12880:2007 (è prevista a breve una nuova revisione). Tale normativa è nata negli anni 80' e attualmente è ancora utilizzata dai fabbricanti tedeschi (Memmert, Binder, MMM, WEISS) e non solo (Sanyo / Panasonic).
Esistono poi altre normative quali la IEC 60068 (come indicato da morich) le cui parti di interesse sono la IEC 60068-3-5 (Supporting documentation and guidance - Confirmation of the performance of temperature chambers) e la IEC 60068-3-6 (Supporting documentation and guidance - Confirmation of the performance of temperature/ humidity chambers )
Esiste poi anche la AFNOR X15-140 (ultima revisione 05/2013) che però è scarsamente utilizzata e solamente in ambito farmaceutico.
La sostanziale differenza tra la DIN e la IEC è il numero di sensori di temperatura utilizzati (9 fino a 50 lt di volume per la DIN e fino a 2000 lt per la IEC), 27 per volumi superiori ai 50 lt (DIN) e 15 per volumi superiori i 2000 lt per la IEC. La DIN inoltre è applicabile per camere termostatiche "non-walk-in heating ovens and incubators".
Entrambe le normative per quanto riguarda l'umidità richiedono l'utilizzo di un solo sensore posto a centro camera.
Buona giornata a tutti

Fabio
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)