Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Allestimento laboratorio temperature
#1
Buongiorno a tutti.
La mia direzione generale ha appena approvato il progetto dell'estensione dell'Accreditamento per le misure di temperatura ed ha affidato a me Huh  (competenza puramente dimensionale in campo Accreditato e qualcosa di elettrico Smile ) il compito di allestire la sala metrologica e la stesura delle procedure.
Ora dopo aver scaricato la linea guida SIT/Tec-002/01 relativa alla taratura dei misuratori di temperatura sto iniziando ad identificare cosa effettivamente serve nel nostro lab.
Abbiamo individuato gli strumenti e i campi di misura per i quali vogliamo emettere Certificati di Taratura.
In breve, temperature comprese da -40 °C a 600 °C e come strumenti termoresistenze, termocoppie, termometri elettronici e meccanici (e vi chiedo di correggermi se effettivamente il campo di misura fosse troppo stretto oppure se all'appello mancassero tipologie di strumenti di misura).
Come posso iniziare a guardarmi intorno?
Vi ringrazio sin da subito per il vostro aiuto.

Stefano
Cita messaggio
#2
Ciao, in primis dovresti farti un'idea del target di clientela che hai intenzione di mirare, poi successivamente dovrai capire che incertezze vuoi raggiungere con il tuo laboratorio.

Ad esempio se punti alla clientela del settore siderurgia dovrai munirti anche di un forno per arrivare almeno a 1100°C.

Se fornisci qualche info in più possiamo aiutarti anche nella scelta degli strumenti.
Cita messaggio
#3
Tongue 
Ciao Rekka e grazie mille per la risposta.

Parte della nostra ricerca si focalizza su clientela che si occupa di analisi chimiche, restante analisi ambientale ed HACCP.
Non penso che come temperature arriveremo oltre i 600 °C, partendo da una minima di almeno -40 °C.
Per l'incertezza, guardando nel documento tecnico di Accredia, si può fare il calcolo a seconda del tipo di prova effettuata, cosa che stiamo valutando col resp. Qualità.
Sempre nel documento, si fa riferimento ad una tipica catena metrologica.
Come campioni di prima linea indicano termoresistenze e termocoppie, campione di resistenza e campione di tensione.
Mentre i campioni di seconda linea indicati sono bagni o forni comparatori, ohmetro e voltmetro digitale.
Presumo che per l'ohmetro ed il voltmetro digitale possa andare bene il ns multimetro Agilent 3458A; campione di resistenza potrebbe essere (correggimi se sbaglio) una cassetta di decadi resistive, mentre il riferimento di tensione potrebbe essere preso dal calibratore 5100B (o forse meglio una pila campione).
Bagni o forni comparatori pensavo ai pozzetti a bagno, una serie in modo da coprire il campo che prima indicavo.
Termoresistenze e termocoppie di prima linea non so dove sbattere la testa (PT1000????? Delta Ohm???????).
Disponiamo inoltre di una cameretta climatica per tarature di termoigrometri (range di temperatura 10 - 50 °C, pensavo per le sonde ad aria).
Il forno servirebbe per queste sonde, ma a temperature "contenute" (600 °C).
Cosa ne dici?
Grazie mille

Stefano

P.S. Spero di non aver scritto na valanga di castronerie  Big Grin Big Grin Big Grin Big Grin Big Grin Big Grin Huh
Cita messaggio
#4
Non siete Messi male. Avete già degli strumenti che potete utilizzare, vedi 3458a. Per questo campo di misure io utilizzerei solo termiresistenze. Per arrivare a 600*C avete bisogno campioni seri. Di ottima qualità potete pensare a dei Fluke. Anche per i bagni termostatici io andrei su Fluke.
Cita messaggio
#5
(27-07-2015, 19:19)enrico.reccagni Ha scritto:  Per arrivare a 600*C avete bisogno campioni seri. Di ottima qualità potete pensare a dei Fluke. Anche per i bagni termostatici io andrei su Fluke.

Di che tipo di campioni "seri" parli Enrico?
I bagni termostatici Fluke che intendi sono tipo il 6102, 7102 e 7103???
I bagni sarebbero campioni di seconda linea, quindi in teoria servirebbero con alta stabilità. Jofra (casa Ametek) potrebbe essere una valida alternativa?
Cita messaggio
#6
Per le termoresistenze posso indicarti le 5626 e 5628 o ancora meglio la 5699S (poi bisogna valutare i costi), e per i bagni valuta la serie 63xx e 73xx.

Ti segnalo il link al sito Fluke:

http://eu.flukecal.com/products/temperature-calibration
Cita messaggio
#7
Grazie Enrico.
Ho dato un'occhiata sul sito della Fluke e ho visto i prodotti. In effetti le 5626 e 5628 sono delle buone termoresistenze e per i bagni le serie che mi hai indicato sarebbe ottima come caratteristiche di stabilità.
Ricapitolando:
- termoresistenze di prima linea: 5626 / 5628
- voltmetro / ohmetro digitale di seconda linea: Agilent 3458A
- bagni o forni comparatori seconda linea (ipotizzando range temperature da -40 a +600 °C):  Fluke 7340 (da -40 a +150 °C), Fluke 6330 (da 35 a 300 °C), fino a 600 un normale fornetto a secco o meglio ad olio??
- campione resistenza: Cassetta decadi campione????
- campione tensione: pila campione?????

Per quanto riguarda le termocoppie invece cosa mi consigli?
Grazie
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)